Fatturazione Elettronica Forfettari 2024: guida completa

Leggi l'articolo o contattaci per saperne di più

Fatturazione elettronica

Dal 1° gennaio 2024 scatta l’obbligo della fatturazione elettronica per tutti i forfettari. Ma non ti spaventare, anzi. I vantaggi del passaggio dalla fatturazione cartacea alla fatturazione elettronica sono tanti.

Qualche esempio?

La riduzione dei costi, la tracciabilità dei pagamenti e la maggiore sicurezza delle transazioni commerciali.

Finalmente potrai dire addio alle fastidiose fatture cartacee! Ti basterà avere un software specifico di fatturazione elettronica et voilà. In questa guida imparerai cos’è la fattura elettronica, come si crea e si emette per forfettari dal 2024 e potrai fatturare a più non posso.

Ma cos’è la Fattura Elettronica?

La fattura elettronica è un documento commerciale emesso in formato digitale e trasmesso attraverso un software conforme a specifiche normative stabilite dalle autorità fiscali. In poche parole si tratta della versione digitale di una fattura tradizionale. Presenta tutte le informazioni sulle prestazioni erogate, come l’importo, i dati del mittente e del destinatario, e la descrizione dei servizi o beni forniti.

Attenzione però! La fattura elettronica non è una fattura cartacea scansionata o un pdf.

La fattura elettronica viene generata attraverso un formato particolare (XML) richiesto dalla normativa fiscale anche per i forfettari dal 2024.

Ma non preoccuparti! Per creare una fattura elettronica nel formato XML ti basterà munirti di un software di fatturazione elettronica e il gioco sarà fatto.

Quando scatta l’obbligo della fatturazione elettronica per i forfettari?

L’obbligo della fatturazione elettronica scatta 1° Gennaio 2024 per tutti i forfettari senza nessuna esclusione. Questo significa che, anche se sei in regime forfettario, dovrai dotarti di un software per la fatturazione elettronica. Come, ad esempio, la nostra piattaforma Quickfisco che ti permette di creare fatture elettroniche illimitate! 😉

Fattura elettronica: come si crea?

Compilare una fattura elettronica non è mai stato così semplice e veloce. Sulla nostra piattaforma, infatti, trovi un modulo di fatturazione dedicato ai forfettari che potrai completare in pochi click. Ecco un esempio del modulo di fatturazione di Quickfisco per la fatturazione elettronica dei forfettari:

Modulo fattura elettronica forfettari 2024

Dovrai inserire alcuni dati fondamentali e obbligatori. Scopriamoli insieme:

  • Cliente 
  • Data di emissione
    Ricordati sempre di creare ed emettere la fattura elettronica al termine del prestazione svolta per il tuo cliente per richiedere il pagamento dell’importo della fattura oppure entro 12 giorni dalla data di incasso (ossia da quando il tuo cliente paga l’importo della fattura)
  • Numero progressivo univoco (automatico sul nostro portale)
    Ogni fattura deve averlo per essere differenziata dalle altre.
  • Modalità di pagamento
  • Termini di pagamento e scadenza 
  • Tipologia di documento
    In questo modo specifichiamo se la fattura è in differita, se si tratta di una nota di credito o un anticipo su fattura grazie a codici specifici.
  • Dettagli su beni o servizi offerti
    Descrizione completa della prestazione.
  • Importo
    L’ammontare totale da addebitare al cliente.

 

Un altro elemento fondamentale è la Marca da bollo che si applica alle fatture elettroniche emesse solo se superano l’importo di 77,47€. Per approfondire questo elemento leggi il nostro articolo dedicato Marca da Bollo Regime Forfettario: Ecco tutti i chiarimenti.

Potrebbe capitarti di sostenere delle spese per conto del tuo cliente (per esempio: un biglietto del treno per una trasferta di lavoro): in questo caso dovrai caricare questi importi in modo che non vengano considerati nella formazione della tua base imponibile per il calcolo delle tasse. Attraverso la piattaforma Quickfisco potrai inserire in pochi click questi rimborsi.
Scopri nel dettaglio di cosa si tratta Rimborso spese nel regime forfettario.

Cerchi un software affidabile per l’emissione delle fatture elettroniche in modo più semplice e immediato? Prenota la consulenza GRATUITA con i nostri esperti.

Come funziona la fatturazione elettronica nel 2024 se ho più Codici Ateco?

Se svolgi più di un’attività in regime forfettario fai attenzione al Codice Ateco che dovrai indicare per calcolare correttamente il tuo reddito. Il Codice Ateco non è un elemento che compare sulla fattura elettronica che stai per inviare, ma attraverso la piattaforma Quickfisco è possibile selezionarlo per indicare a quale codice ateco corrisponde ciascuna fattura emessa.

Nella fattura elettronica per forfettari si applica IVA?

La risposta è: NO!

Se operi con Partita IVA in Regime Forfettario non devi applicare l’IVA nella fattura elettronica. Il regime forfettario è un regime agevolato e questo esonero dall’applicazione dell’IVA, come ben sai, ti permette di entrare nel mercato offrendo prezzi più competitivi. Se sei interessat* ad aprire partita IVA, leggi questo articolo Regime forfettario Professionisti: apertura partita IVA e requisiti

Fattura elettronica forfettari 2024: come si invia e come si riceve?

Una volta compilata la fattura elettronica, dal 2024 dovrai inviarla al Sistema di Interscambio (SdI) dell’Agenzia delle entrate, un sistema informatico che funziona da “postino” per l’invio e la ricezione di fatture elettroniche.

Semplice, no?

Per ricevere le fatture elettroniche puoi scegliere 2 modi differenti:

  1. Tramite PEC:
    Il Sistema di Interscambio consegna direttamente la fattura elettronica all’indirizzo PEC a te assegnato.
  2. Tramite il Codice Destinatario:
    È un codice di 7 cifre che identifica un canale telematico autorizzato dall’Agenzia delle Entrate per la trasmissione e la ricezione delle fatture elettroniche.

 

Solitamente, questo codice è fornito dai gestori del software di fatturazione elettronica che stai utilizzando. Infatti, gli utenti di Quickfisco utilizzano il codice SdI dedicato 😉

Utilizzando il Codice Destinatario, riceverai le fatture elettroniche direttamente all’interno del tuo software di fatturazione, senza doverle importare manualmente.

Fai la prova GRATUITA di 7 giorni per testare la nostra piattaforma. Senza alcun impegno 😊 Accedi qui

Devo conservare le fatture elettroniche?

Sì, devi conservare le fatture elettroniche emesse e ricevute nell’unico formato accettato dalla normativa XML. L’articolo 2220 del Codice Civile stabilisce che le fatture (cartacee) devono essere conservate per 10 anni dalla data dell’ultima registrazione. Questo principio vale anche per le fatture elettroniche.

Cosa succede se un forfettario non emette fattura elettronica?

Come abbiamo visto prima ogni fattura elettronica deve essere emessa al massimo entro 12 giorni dall’incasso dell’importo (fattura immediata). In alternativa, potrai emettere fattura elettronica “differita” entro il giorno 15 del mese successivo a quello in cui è stata svolta la prestazione. Se un forfettario non emette fattura elettronica o la invia in ritardo, sono previste sanzioni amministrative comprese tra il 90% e il 180% dell’imposta relativa all’imponibile non correttamente documentato o registrato.

Se ti accorgi di aver inviato una fattura elettronica in ritardo, puoi scegliere di pagare una sanzione ridotta tramite una pratica chiamata ravvedimento operoso. Noi di Quickfisco siamo sempre disponibili, infatti, seguiamo i nostri utenti anche per questo tipo di necessità.

Fatturazione elettronica per forfettari illimitata con Quickfisco!

Iniziare ad utilizzare la fatturazione elettronica per forfettari è un po’ come prendere confidenza con un nuovo smartphone. In questo caso bisogna solo scegliere il software adatto.

Non sai come scegliere quello adatto a te e alle tue esigenze? Ti aiutiamo noi!

Noi di Quickfisco aiutiamo i forfettari a gestire la loro fiscalità a 360 gradi: oltre a consulenza fiscale, monitoraggio degli incassi, preparazione di dichiarazione dei redditi, previsionale tasse e contributi e servizio clienti whatsapp proattivo, offriamo ai nostri clienti fatturazione elettronica illimitata. Tutto ad un costo molto vantaggioso!

Per saperne di più potrai parlare con un nostro esperto e ricevere una prima consulenza totalmente gratuita. Prenotala qui.

Non è finita qui!

Approfitta del periodo di prova di 7 giorni  per accedere alla piattaforma e scoprire il mondo di Quickfisco e tutti i suoi servizi.

Prova gratis la nostra piattaforma oppure scrivici per maggiori informazioni.

Tu rilassati e pensa a fatturare, al resto ci pensiamo noi 😉

Indice degli argomenti

Condividi su:

Facebook
LinkedIn
Email

Dubbi? Scrivici, ti ricontatteremo prestissimo!