Regime forfettario e fatturazione elettronica: cosa cambia?

Leggi l'articolo o contattaci per saperne di più

forfettario fattura elettronica 2022

Hai avuto la felice idea di aprire la partita iva con regime forfettario e vuoi sapere le novità di quest’anno, anche sulla fatturazione elettronica? Stai pensando di aprire la tua attività ma ci vogliono tre lauree per capire se il regime forfettario ti conviene o meno?

Tranquillo, ti aiutiamo noi di Quickfisco.

Ma prima scopriamo insieme come funziona il regime forfettario e le novità sulla fatturazione elettronica.

Requisiti di accesso al regime forfettario

Per accedere al regime forfettario occorre innanzitutto avere la residenza in Italia. Quindi se non sei scappato in Messico dopo che la tua ragazza ti ha detto di essere incinta puoi continuare a leggere l’articolo.

Non devi partecipare a società di persone, associazioni professionali o imprese familiari.

Non devi avere un reddito da lavoro dipendente nell’anno precedente superiore a 30.000€. Se l’hai superato, complimenti, altrimenti leggi sotto per vedere quali vantaggi ti spettano.

Vantaggi

E qua arriva la parte interessante, anche perché sono sicuro che ti stai chiedendo “quanto si paga?“.

Innanzitutto non applicherai l’IVA sulle tue fatture, quindi potrai vendere a prezzi minori, ma allo stesso tempo non potrai detrarre l’iva sugli acquisti.

Non vi è l’obbligo di liquidazione mensile o trimestrale dell’iva e della presentazione della dichiarazione IVA, e questa è una gran cosa, ma attenti alle fatture estere: per le fatture con l’estero, sia intracomunitarie che extracomunitarie, attraverso uno strano meccanismo chiamato reverse charge, vi tocca pagare l’iva anche sulle fatture d’acquisto (tipo quelle di Facebook o Google).
In questo caso l’iva va pagata entro il 16 del mese successivo!

Discorso a parte invece riguarda l’IRPEF, infatti in questo caso si andrà solo a pagare un’imposta sostitutiva.

Il calcolo è semplice: basta prendere tutti i ricavi, moltiplicarli per un coefficiente di redditività che dipende dall’attività svolta e su questo calcola il 15%. Anzi, nei primi 5 anni di attività pagherai solo il 5%.  Questo vale anche se sei dipendente e il tuo reddito d’impresa sarà inferiore rispetto a quello da dipendente.

Limiti

Il principale limite deriva dal fatto che non si possono “scaricare” i costi. Quindi, mi dispiace, ma la fattura dello yacht non si può proprio portare in diminuzione del reddito. E’ prevista solo una percentuale di abbattimento forfettaria, appunto, sulla quale si calcola l’aliquota come spiegato prima.

Altro limite è quello che non si possono superare i 85.000 euro di ricavi. Se li superi (e te lo auguro) l’anno successivo dovrai passare al regime ordinario o semplificato.

Obbligo di fattura elettronica Regime forfettario

Uno dei grossi vantaggi del regime forfettario è quello di non essere soggetto alla tenuta dei registri contabili e ad una serie di adempimenti a cui sono tenute tutti gli altri tipi di imprese.

Uno tra queste è sicuramente l’obbligo della fatturazione elettronica. Ma quindi è obbligatoria anche per i forfettari?

Dal 1° Gennaio 2024 è indipendentemente dai ricavi e dai compensi percepiti!

Emettere fatture elettroniche ha già un suo vantaggio: ti permette di accedere ad un regime premiale e ridurre i tempi di un eventuale accertamento da cinque a quattro anni. Lo so che non abbiamo nulla da nascondere all’occhio onniveggente dell’agenzia delle entrate, ma sempre meglio approfittarne, no?

Cosa importante in fase di emissione della fattura è la dicitura obbligatoria prevista per le fatture in regime forfettario. Queste devono infatti riportare “Operazione senza applicazione dell’IVA ai sensi dell’articolo 1, commi da 54 a 89”.

Infine se il documento supera i 77,47 euro, occorre applicare una marca da bollo (virtuale) di 2 euro.

 

Cosa fare?

Come hai visto il regime forfettario è davvero conveniente, soprattutto per chi vuole iniziare la propria start-up. Ma nonostante le semplificazioni, ci sono sempre una serie di scartoffie a cui pensare.
Inoltre con l’obbligo della fatturazione elettronica alle porte è meglio tenersi pronti.

Come? Quickfisco!

Grazie a Quickfisco avrai un consulente dedicato e un portale per gestire la fatturazione elettronica. Pensiamo pure alla dichiarazione dei redditi e a tutti gli altri adempimenti.

Prova gratis la nostra web-app oppure scrivici per maggiori informazioni.

Tu rilassati e pensa a fatturare, al resto ci pensiamo noi 😉

 

Indice degli argomenti

Condividi su:

Facebook
LinkedIn
Email

Dubbi? Scrivici, ti ricontatteremo prestissimo!